Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Bolzano


In SVIZZERA il SETTORE GIOVANILE non ha mai SMESSO l'ATTIVITA'

Raccontiamo quanto sta succedendo a pochi chilometri dal confine italiano dove i ragazzi (anche quelli di società dilettantistiche...) si allenano e fanno partite regolarmente

A cura della redazione di toscanagol.it

C'è da non crederci. Mentre in Italia siamo ancora qua attanagliati dalla paura e senza alcuna attenzione verso il mondo del calcio giovanile, ecco che basta spostarci di pochi chilometri dal confine del nostro paese per vedere una realtà completamente diversa. TOSCANAGOL è andata "virtualmente" in viaggio in Svizzera, nel Canton Ticino più esattamente e ha scoperto cose che ci lasciano basiti.

Nostra ideale guida in questo tour elvetico, un italiano al cento per cento, un pugliese di Vieste, Teodoro Palatella, da sei anni responsabile del settore giovanile del Lugano, società professionistica che al pari di tutti i club svizzeri ha due statuti ben distinti tra Prima squadra e settore giovanile, due presidenti e le risorse ben distinte. In pratica, cosa che in Italia non succede, se la Prima squadra fallisce, il settore giovanile prosegue come se niente fosse. Una differenza molto sostanziale, ma non è questo il "cuore" del problema.


Noi vogliamo sapere cosa è successo in questi mesi di pandemia in Svizzera. Palatella ci racconta tutto nel dettaglio. "Qua l'attività non è mai cessata dall'Agosto scorso. Hanno solo fermato le competizioni nel periodo invernale, ma questo avviene tutti gli anni. In compenso ci siamo sempre allenati, dall'attività di base a tutto il settore giovanile. Anzi, abbiamo pure aumentato il numero delle sedute noi a Lugano dove crediamo che allenarsi sia più importante che giocare".

In Svizzera le scuole sono rimaste chiuse solo per pochi giorni. "Vero, ma in quei giorni i ragazzi venivano ugualmente ad allenarsi. Qua sono stati molto bravi a gestire la pandemia nelle scuole. Tutt'altra gestione rispetto all'Italia".

Giusto però fare alcune precisazioni. "In Svizzera non ha mai smesso di fare attività chi è al di sotto dei 20 anni. Si sono fermati solo per le festività. I campionati dilettantistici, quelli che invece riguardano l'attività di coloro che hanno da 20 anni in su, si sono invece fermati".

In Italia si è fatta una distinzione tra giovani di società professionistiche e giovani di società dilettantistiche che ha fatto ridere molti. "Questo distinguo in Svizzera non esiste, noi abbiamo società dilettantistiche affiliate e abbiamo sempre continuato a dare il supporto stabilito. Il decreto della Confederazione ha diviso la popolazione solo in merito all'età. E dopo la sosta invernale, da una settimana sono ripartiti sia i campionati professionistici giovanili che quelli dilettantistici".

IL PROTOCOLLO

Palatella ci spiega il protocollo usato da tutti coloro che hanno squadre giovanili. "E' molto semplice. I ragazzi innanzitutto non possono utilizzare gli spogliatoi per fare le docce. Noi abbiamo anche ragazzi che arrivano dall'Italia e che dopo tornano a casa. A tutti raccomandiamo di portarsi dietro un cambio o qualcosa che gli permetta di non andare via sudati. Gli allenamenti non hanno limitazioni, sono previsti contatti e partitelle di ogni tipo. E gli allenamenti sono fatti assolutamente senza mascherina".

E se un ragazzo si contagia? "Nel momento in cui si riscontra un caso, le società sono allertate dagli organismi sanitari, si traccia il contatto e si fanno i tamponi a tutti i compagni. Chi ha il virus resta fermo per sette giorni, l'ottavo fa un nuovo tampone e in caso di negatività torna immediatamente ad allenarsi con il resto della squadra. Quarantena per gli altri? No, assolutamente".

Avete avuto tanti casi in questi mesi? "Qualcuno sì, ma li abbiamo tutti gestiti in maniera individuale. Abbiamo isolato i ragazzi e fatto partire le procedure. Noi abbiamo sempre preservato l'allenamento e mai fermato. Ecco, a differenza dell'Italia dove non si è capita l'importanza mentale e fisica che rappresentata tutto questo. I nostri ragazzi che arrivano dall'Italia e le loro famiglie rimarcano sempre questo fatto. Il calcio e lo sport in generale rappresenta una sorta di valvola di sfogo. Non riesco a comprendere come in Italia ci siano ragazzi che da mesi sono fermi in casa. E' inaccettabile".

Il nostro paese si è impantanato in una vera e propria palude. "Stiamo parlando di sport all'aperto. Fermare gli allenamenti è incredibile. Se viene seguito il protocollo quali problemi ci sono? Quello che si vede in Italia è davvero singolare. So di altri paesi dove si è cercato ugualmente di andare avanti con l'attività giovanile. E poi ripeto, siamo all'aperto, noi igienizziamo tutto quello che i ragazzi usano. Se si usano le precauzioni giuste non ha senso fermarsi".

In Italia si è pure discusso sul fatto che non potendo fare le docce (cosa che in Svizzera pare ampiamente superata e capita...) i ragazzi rischiavano di prendere freddo nelle giornate piovose invernali... "Ripeto, abbiamo sempre incentivato i ragazzi a portarsi un cambio e rientrare così a casa. Siamo stati rigidi su questo, perchè riteniamo che sia stato sempre da privilegiare il fatto di poter fare allenamento. Anche i genitori hanno apprezzato questo e non hanno mai fatto obiezioni. Capisco che è un piccolo sacrificio, ma così abbiamo potuto non interrompere l'attività".

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Merano si conferma campione d'Italia

La formazione altoatesina si conferma dunque la squadra più forte in tutt’Italia nella corsa in montagna. Le prime a scendere in gara sono le proprio le Under 16, che corrono sotto la pioggia battente: vince come nel 2020 lo Sportclub Merano. Le due portacolori del club altoatesino dominano la scena: Emma Ghirardello Pichler, seconda nella rassegna tricolore individuale, fa la diff...leggi
10/06/2021

Eccellenza: al via il 25 aprile il mini-campionato

Saranno sette le squadre ai nastri di partenza del mini-campionato di Eccellenza del Trentino Alto Adige. E sono quelle interessate alla promozione in serie D perché, come ormai noto, non sono previste retrocessioni. Inizialmente era stato disposto che i campionati di Eccellenza al via avrebbero dovuto avere un minimo di 10 squadre iscritte ma per fortun...leggi
11/04/2021


Calcio giovanile, al via la fase provinciale dei campionati

Tutto pronto per l'esercito dei ragazzi che questo fine settimana daranno il via alla fase provinciale dei campionati di calcio giovanili edizione 2020/2021.  Come tutti gli anni, le griglie sono inserite sul nostro portale dove potete consultare il calendario con i risultati e le classifiche.  Potete usare anche l'app ITALIAGOL, che ha ampiamente supe...leggi
08/09/2020

Eccellenza: buona la prima per le altoatesine

Pronti via… finalmente parte anche il calcio regionale con la disputa della prima giornata del campionato di Eccellenza. Subito in evidenza Maia Alta e Bozner, vincitrici rispettivamente contro Anaune in trasferta (gol vittoria di Jonas Clementi dopo 4’) e contro l’Arco in casa, con i bolzanini in doppio vantaggi...leggi
07/09/2020

Promozione: pari e patta tra Valle Aurina e Parcines, 1-1

1. Spieltag Landesliga 06.09.2020SSV AHRNTAL - ASV PARTSCHINS  1 : 1Schiedsrichter:Davide di MuroLuca BrizziFrancesco CicorellaSpielbericht:7. Minute: Erste gute Chance für Ahrntal nach schönem Zusammenspiel über die rechte Seite. Hofer leitet den Angriff zusammen mit Maurer Richard ein den Querpass in den 16er...leggi
06/09/2020

Pallamano, Bolzano festeggia un esordio perfetto

Bolzano, 5 settembre 2020 – L’SSV Loacker Bozen Volksbank ha iniziato il campionato di Serie A Beretta sabato con una vittoria sul Cingoli. I biancorossi, in un Pala Gasteiner vuoto, si sono affermati per 29:23 contro i neopromossi marchigiani. Così il giocatore-allenatore Mario Sporcic ha potuto festeggiare con un successo il suo debutto in questa n...leggi
06/09/2020

Stagione 2020/2021: ecco le date di inizio dei campionati

Inizieranno il 5 e 6 di settembre i campionati di Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda categoria altoatesina. Questo quanto contenuto nel comunicato ufficiale nr. 3 del 3 luglio 2020 del Comitato Provinciale Autonomo di Bolzano. La Coppa inizierà prima del'inizio dei campionati, ma le date saranno comunicate s...leggi
03/07/2020

Play-off serie C: ricordi agrodolci di emozioni biancorosse

Tanti splendidi ricordi e imprese sfiorate da parte dell’FCS: dalla semifinale del 2013 con il Carpi alla finale 2014 con la Pro Vercelli, dalla bolgia di Cosenza nella semifinale 2018 al match al cardiopalma in quel di Monza nel secondo turno della fase finale dello scorso anno Tempo di play-off. Facciamo un rapido salto nel passato per sintetizzare una serie di ...leggi
01/07/2020

Stagione calcistica 2020/21: ecco gli organici dei campionati

Il primo atto della stagione sportiva 2020/21 è stato dunque compiuto, con la definizione degli organici dei campionati regionali e provinciali. Eventuali domande di ripescaggio dovranno essere fatte pervenire entro il 6 luglio al Comitato Provinciale Autonomo di Bolzano. Ecco di seguito le squadre iscritte dall’Eccellenza alla Terza Categoria, pubblicate nel comunicato uff...leggi
26/06/2020

Calcio, emessi quasi tutti i verdetti della stagione 2019/20

Eccoli, i verdetti per la stagione calcistica 2019/20 per quanto riguarda il calcio dilettantistico altoatesino, pubblicati dalla FIGC sezione di Bolzano all'interno del comunicato ufficiale nr. 61. Restano ancora alcuni punti interrogative sulla questione retrocessioni, ma ogni dubbio sarà fugato entro fine mese. La delibera inerente il blocco delle retrocessioni, infatti, dovr&...leggi
16/06/2020

AIA Bolzano - Lezioni in videoconferenza per i giovani arbitri

Le attuali disposizioni per il contenimento dell’emergenza sanitaria, provocata dalla pandemia del coronavirus, impediscono lo svolgimento di riunioni associative che vedano la partecipazione di molte persone sia in luoghi pubblici che privati. In questo contesto straordinario, la Sezione AIA di Bolzano “M. Bregoli” ha deciso di esplorare nuove strade, facendo riscorso alla te...leggi
22/04/2020

Ufficiale: Campionato Europeo di calcio spostato al 2021

Il Campionato Europeo di Calcio è stato ufficialmente spostato al 2021: si giocherà dal 11 giugno al 11 luglio del prossimo anno, per permettere alle federazioni di portare a termine i campionati e le coppe europee dopo lo stop forzato per l'emergenza coronavirus.   ...leggi
17/03/2020

Il messaggio del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti

Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario titolo – calciatrici e calciatori, allenatrici ed allenatori, dirigenti, medici, massaggiatori, collaboratori - fanno parte della grande famiglia del calcio dilettantistico italiano. Credo sia necessario, infatti, - a prescindere da quanto indicato nel Comunicato Ufficiale che riporta il provvedimento - chiarire le motivazioni che ha...leggi
17/03/2020

Figc: sospensione immediata dei campionati

Come annunciato nel comunicato nr. 73 della Figc comitato provincial di Bolzano, viene disposta la sospensione fino a tutto il 3 aprile dell'attività organizzata dalla Lega Nazionale Dilettanti sia a livello nazionale che territoriale.   ...leggi
08/03/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11671 secondi